26 Feb 2018Stedo srl

Arredamento di interni: gli errori da evitare

arredamento interni stedo srl
Arredamento di interni: gli errori da evitare

Ecco la guida che ti mancava per non fare errori sull’arredamento della tua nuova casa

Tanti sacrifici per cercare la nuova casa, quella giusta, un enorme sforzo economico per acquistarla, ma quando tutto sembra finito, in realtà è appena iniziato, è il momento di passare all’arredamento di interni.
Infatti il vero lavoro inizierà proprio ora, quando dovremo trasformare la “nuova casa”, nella “nostra casa”, quando le dovremo dare una forma, una personalità, un’identità.

Gli approcci e le scelte per l’arredamento d’interni possono essere davvero infiniti, possiamo decidere di affidarci a dei professionisti ai quali condividere le nostre idee e lasciare che siano loro a fare tutto, oppure, come si tende a fare sempre più di frequente, scegliere il cosiddetto DIY (Do It Yourself), il famoso “fai da te”. Entrambe le strade sono valide e possono portare a degli ottimi risultati di interior design, ma l’errore è dietro l’angolo e può bastare davvero poco per vanificare tanto lavoro e tanta fatica.

Ci sono infatti alcuni piccoli accorgimenti e consigli utili da seguire per evitare degli errori che, seppur banali possono incidere negativamente sul risultato finale che volevamo ottenere.

1 – Errori di arredamento: nascondere le imperfezioni

A tutti noi piacerebbe avere la classica casa da catalogo, ma sappiamo benissimo che è quasi utopia pensare di avere quella perfezione sempre ed in ogni situazione.
Proprio per questo non dobbiamo assolutamente preoccuparci se a volte ci rendiamo conto che c’è qualcosa fuori posto o non è esattamente come l’avevamo immaginata in fase di progettazione, ma al contrario possiamo usare qualche piccolo trucco per mascherare gli oggetti di uso quotidiano e farli comunque rientrare nel nostro “piano di arredamento”.

Tutti laviamo i piatti, usiamo spugne e pezzette da cucina, tutti abbiamo un ombrello e materiali per la pulizia quotidiana della casa. Ovviamente siamo a noi scegliere come e dove posizionarli quando non li utilizziamo. Per cui, in una cucina total white, ipermoderna se lasciamo un flacone di sapone per i piatti con una pezzetta colorata sul lavello, di sicuro l’impatto visivo ci disturberà, ma in realtà sarebbe sufficiente procurarsi 2 contenitori di design che si intonato con la cucina, un dispenser per il sapone liquido e una scotola per la pezzetta ed il gioco è fatto.

Lo stesso vale per gli ombrelli, piuttosto che per le chiavi di casa e della macchina, tutto può stare nello stesso posto, ma la vera differenza sta nel “come” quell’oggetto viene inserito in quel contesto. Quindi, anche se le dimensioni della casa sono ridotte e bisogna sfruttare tutti gli spazi, ricordiamoci sempre che la stessa cosa può essere posizionata nello stesso posto, ma in tanti modi diversi e a volte basta pochissimo per cambiare totalmente l’effetto visivo che lo stesso oggetto può avere in quella stessa posizione.

2 – Errori di arredamento: disposizione dei mobili

La disposizione dei mobili è forse il momento più delicato di tutte le varie fasi dell’arredamento, sia perchè date le dimensioni non è poi facile cambiarne la disposizione, come invece si potrebbe fare per qualsiasi altro accessorio o oggetto come un vaso o una pianta, ma soprattutto perchè gran parte del risultato finale di interior design che vogliamo raggiungere con il nostro arredamento è dato proprio dai complementi di arredo.

Uno degli errori più comuni che in genere si compie con i mobili è legato alla loro disposizione. Infatti generalmente si tende a sistemare tutti i mobili (divani, credenze, mobili tv, librerie, etc) contro le pareti lasciando gran parte dello spazio libero al centro della stanza.

Non è detto che questo approccio sia sbagliato, ma dipende anche dagli spazi che stiamo arredando. Se le aree sono ridotte probabilmente questo tipo di arredamento può essere funzionale e può aiutare ad ottimizzare gli spazi, ma nel caso di grandi stanze, andare ad occupare tutte le pareti e lasciare tanto spazio vuoto al centro crea un effetto dispersivo e toglie carattere all’ambiente.
Al contrario, un divano a centro stanza, una libreria usata come divisorio o anche una poltrona decentrata, possono creare quel giusto movimento all’ambiente che lo rende più personale e autentico.

3 – Errori di arredamento: illuminazione e colori

Più che un divano o una credenza, il vero carattere della nostra casa viene dai colori e dall’illuminazione, dalle sfumature e dai giochi di luci ed ombre che riusciamo a creare nelle stanze.
La stessa stanza, con gli stessi mobili, può essere resa più fredda e sterile o più calda e accogliente, semplicemente cambiando l’intensità ed il colore della luce. Va quindi fatta molta attenzione sia alla scelta dei colori di pareti e arredamento, ma anche e soprattutto dell’illuminazione. Ovviamente tutto dipende sempre dal risultato finale che vogliamo raggiungere, ma in genere il consiglio è quello di prevedere più fonti di luce, anzichè una unica e centrale di grande potenza.

In questo modo eviteremo di avere un’illuminazione troppo potente e monotona, potendo invece optare per diversi scenari e diverse tonalità in base alle esigenze. Possiamo quindi ad esempio cenare con una luce soffusa mentre guardiamo un film in tv andando ad illuminare in modo delicato solo la zona del tavolo, oppure leggere un libro in soggiorno con la giusta illuminazione necessaria solo per la lettura.

4 – Errori di arredamento: stili e materiali

La scelta dello stile di arredo è la prima da affrontare ed è quella da cui poi deriverà tutto il progetto di arredamento. Moderno, Industrial, Shabby chic, Etnico, Rustico, Contemporaneo, Vintage, etc.

Una volta deciso quale stile vogliamo dare alla nostra casa, quale stile rispecchia di più la nostra personalità, ci saranno delle “regole” da seguire per non cadere nell’errore di creare un “melting pot” di stili, generi e colori che anzichè creare armonia creano solo confusione.

Questo spesso accade perchè lungo il cammino ci capita di incontrare idee e progetti di stili diversi che catturano il nostro interesse e dai quali ci piacerebbe trarre ispirazione, anche se in realtà sono molto distanti da quello che abbiamo scelto per la nostra abitazione.

Così ci troviamo ad inserire un oggetto Vintage in un arredamento Moderno e non è detto che non si possa fare, ma bisogna avere delle accortezze per trovare il giusto modo di integrarlo.

Quindi, anche se abbiamo nuovi spunti e nuove idee, cerchiamo sempre di valutare bene quale potrebbe essere l’effetto finale una volta inserite nel nostro ambiente e se proprio decidiamo di farlo cerchiamo a quel punto di valorizzare l’oggetto “intruso” in modo da renderlo protagonista e far capire che non si trova lì per caso, ma per una scelta voluta e ben ponderata.

5 – Errori di arredamento: “less is more”

Quest’ultimo non è esattamente un errore, ma più che altro un consiglio. Come disse Ludwig Mies van der Rohe, architetto e designer tedesco dei primi del novecento: “less is more” (“il meno è più”). Questa frase ha cambiato radicalmente l’architettura di quel periodo, ma lo stesso concetto può essere applicato in molti settori, non solo a quello dell’architettura appunto, ma anche a quello del design di interni, del design grafico e per argomenti più recenti nella progettazione delle interfacce grafiche dei prodotti tecnologici (es. Apple).

Bisogna evitare l’abbondanza e la complessità di oggetti, forme e colori, ma prediligere la semplicità, poche cose e messe nel posto giusto.

Nell’arredamento di interni questo concetto è molto importante, soprattutto perchè c’è una linea sottile che può trasformare un ambiente e farlo passare da asettico e impersonale ad un vero e proprio bazar.
Quindi, oggetti, complementi di arredo e soprammobili sono assolutamente permessi, purchè vengano utilizzati con moderazione tenendo sempre presente che in un ambiente dove ci sono 3 oggetti, tutti potranno essere ben valorizzati, ma al contrario, in un ambiente con 100 oggetti non tutti riusciranno ad avere l’importanza che meritano.





Stedo srl
Tanti sacrifici per cercare la nuova casa, quella giusta, un enorme sforzo economico per acquistarla, ma quando tutto sembra finito, in realtà è appena iniziato, è il momento di passare alla fase più impegnativa: arredamento di interni.
Share

Stedo srl

La Stedo (Builders) Srl è la parte operativa della Continuum Property LLC, leader internazionale nel settore immobiliare che ricerca, sviluppa e gestisce immobili di alto lusso per investitori privati e Istituzionali, con un portfolio di oltre 15 immobili nel mondo.