04 Mar 2020Stedo srl

Bonus Casa 2020

Bonus Casa 2020
Bonus Casa 2020

Detrazioni fiscali diverse in base ai lavori da realizzare

Il Bonus Casa 2020 permette di ottenere varie detrazioni fiscali in base ai lavori edili da realizzare, come ristrutturazioni, interventi d’impiantistica ecc…

Questo bonus comprende tanti altri bonus di cui approfittare entro fine anno:

  • Bonus ristrutturazioniper chi effettuerà lavori di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia. La detrazione IRPEF è applicata con 50% su un tetto massimo di 96.000€ spesi;
  • Bonus mobiliper interventi di ristrutturazione prima dell’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Detrazione del 50% su un massimo di 10.000€;
  • Bonus verdeche prevede una detrazione pari al 36% per la riqualificazione urbana di terrazzi, balconi e giardini e per chi sovvenziona lavori per il verde pubblico;
  • Ecobonus prevede una detrazione del 65% o 50% per tutti quelli che attueranno interventi di risparmio energetico, per una spesa fino a 100.000€ da suddividere in rate uguali per 10 anni. La detrazione è stata prolungata fino al 2021 anche per gli interventi sulle parti comuni delle case non unifamiliari;
  • Bonus facciate è la nuova agevolazione presente da quest’anno. L’appena nato bonus consiste nella retribuzione di denaro per lavori effettuati alle facciate di qualsivoglia edificio o abitazione. Le detrazioni sono pari al 90% delle spese sostenute;
  • Sisma Bonusche consiste in un’agevolazione che permette, a chi ne fa domanda, di ottenere una detrazione fiscale fino all’85% della spesa sostenuta per lavori edili di tipo antisismico su edifici preesistenti; sia abitazioni unifamiliari che condominiali.

L’art. 1, comma 70 della Legge di Bilancio per il 2020 afferma:

A partire dal 1° gennaio 2020, unicamente per gli interventi di ristrutturazione importante di primo livello di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015, recante adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 – Linee guida nazionali per la certificazione energetica, per le parti comuni degli edifici condominiali, con un importo dei lavori pari o superiore a 200.000 euro, il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare, in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, senza l’applicazione dei limiti di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Il fornitore che ha effettuato gli interventi ha a sua volta facoltà di cedere il credito d’imposta ai propri fornitori di beni e servizi, con esclusione della possibilità di ulteriori cessioni da parte di questi ultimi. Rimane in ogni caso esclusa la cessione ad istituti di credito e ad intermediari finanziari.

Lo sconto in fattura nel 2020 quindi si potrà richiedere solo per i lavori condominiali che superano i 200.000 euro, mentre è stato cancellato per gli interventi di minore portata.

 

Stedo srl
Giulio
Leggi anche–>Bonus prima casa 2020
Il Bonus Casa 2020 permette di ottenere varie detrazioni fiscali in base ai lavori edili da realizzare...
Share

Stedo srl

La Stedo (Builders) Srl è la parte operativa della Stedo Builders LLC, leader internazionale nel settore immobiliare che ricerca, sviluppa e gestisce immobili di alto lusso per investitori privati e Istituzionali, con un portfolio di oltre 15 immobili nel mondo.