13 Dic 2019Stedo srl

La resina

La resina
La resina

L’evoluzione del materiale: dalle piante alla resina 3D

Grazie all’utilizzo di materiali innovativi, vengono realizzati pavimenti moderni e del tutto diversi da quelli per la maggior parte presenti nelle abitazioni private o negli uffici.

Il materiale per eccellenza è la resina. Il suo utilizzo nel campo dei rivestimenti è molto antico: una volta la resina veniva estratta dalla vegetazione (alberi e piante varie). Era quindi un prodotto del tutto naturale, che veniva poi adoperato per il rivestimento e la protezione delle chiglie delle navi e di vari altri strumenti della navigazione.

Negli ultimi anni è molto utilizzata nell’edilizia residenziale, e la motivazione è la seguente: si tratta di un materiale semplice da personalizzare e quindi facilmente adattabile agli interni di ogni ambiente.

La resina che si utilizza attualmente è sintetica, ottenuta attraverso processi chimici industriali. Tra le varie resine sintetiche disponibili, quella più usata nell’edilizia per realizzare rivestimenti per pavimentazioni è la resina epossidica.

Inizia a diffondersi nel mercato delle costruzioni edili dopo gli anni ’50 e trova impiego inizialmente come collante. Il suo vero sviluppo per la realizzazione di pavimenti commerciali e pavimenti residenziali si è avuto solo negli anni ’90.

In particolare, tramite le resine decorative si possono ottenere pavimenti con effetti originali e unici. Questa tipologia di pavimentazione viene stesa e livellata con l’aiuto di una spatola o di un rullo, nel caso la resina non sia autolivellante. In questo modo la superficie è uniforme. Ideale nelle nostre case, perché protegge da muffe e batteri, la resina è anche idrorepellente e perfetta in bagno e in cucina. Inoltre, se il lavoro viene eseguito da professionisti del settore, potrete stare certi che il vostro pavimento in resina durerà molto a lungo.

Vantaggi e svantaggi dei pavimenti in resina:

  • sono pratici perché è possibile collocarli anche su un vecchio pavimento senza dover ricorrere ad interventi di rimozione, risparmiando tempo e denaro;
  • sarà possibile rinnovare il pavimento in resina con molta facilità anche dopo 7 o 8 anni, impiegando la stessa tecnica che serve per ripristinare il parquet, ovvero attraverso carteggiatura e l’applicazione di una nuova resina;
  • non hanno bisogno di particolare manutenzione, a parte la pulizia ordinaria;
  • i pavimenti in resina non sono attaccabili da batteri e muffe;
  • la sostituzione di parti danneggiate avviene con facilità;
  • i pavimenti in resina sono resistenti agli acidi e ai grassi, oltre ad essere idrorepellenti.

 

I pavimenti in resina si adattano a tutti gli stili, da quelli più classici a quelli più estrosi. L’evoluzione dei pavimenti in resina sono quelli in resina 3D: inventati a Dubai da un gruppo di architetti, stanno arrivando anche in Italia e danno la possibilità di dare un effetto-profondità alla superficie calpestabile. All’interno dello strato di resina viene inserita un’immagine a scelta, che viene poi ricoperta dallo strato protettivo finale trasparente.

 

Stedo srl
Giulio
brochure—>  RESINE
Grazie all’utilizzo di materiali innovativi, vengono realizzati pavimenti moderni e del tutto diversi da quelli per la maggior parte presenti nelle abitazioni private o negli uffici.
Share

Stedo srl

La Stedo (Builders) Srl è la parte operativa della Stedo Builders LLC, leader internazionale nel settore immobiliare che ricerca, sviluppa e gestisce immobili di alto lusso per investitori privati e Istituzionali, con un portfolio di oltre 15 immobili nel mondo.