17 Ago 2018Stedo srl

Pavimento in resina

pavimento resina 3D stedo srl
Pavimento in resina

La nuova frontiera dell’edilizia residenziale

La resina è un materiale che si trova in commercio già da diversi anni, ma fino ad ora veniva adoperata principalmente nel settore industriale, ospedali, centri commerciali e grandi magazzini, che la utilizzavano per sfruttare la sua grande resistenza meccanica.
Attualmente sempre più spesso viene scelta e utilizzata anche in progetti di edilizia residenziale grazie alle diverse possibilità di personalizzazione e capacità di adattarsi alle diverse tipologie di arredamento.

A differenza dei pavimenti con mattonelle o del parquet a listelli, la resina non viene posata a pezzi, ma stesa e livellata creando una superficie unica e senza fughe, detta anche monolitica.

Questa tipologia di applicazione, insieme al fatto che la resina oltre che colorata può anche essere data trasparente permette inoltre di realizzare delle vere e proprie opere d’arte, infatti è sempre più diffusa l’applicazione di pavimenti e pareti con effetto 3D. Ossia vengono realizzare delle stampe con particolari disegni ed effetti, queste vengono applicate sul primo strato di resina e il tutto viene infine sigillato con la resina trasparente creando degli effetti davvero molto suggestivi.

In genere lo spessore medio che si raggiunge con la posa della resina è di 3-4 mm e questo la rende particolarmente appetibile in quanto evita tutta una serie di lavori collaterali che altrimenti andrebbero fatti nel caso in cui ad esempio si scelga di posare un nuovo pavimento senza rimuovere quello esistente, come ad esempio il taglio delle porte.

Altro aspetto molto importante, derivato dall’assenza di fughe e giunti è la scarsa proliferazione di batteri sulla superficie dei pavimenti in resina che garantiscono quindi anche un’ottima protezione dalle muffe.

Pavimenti in resina: pro e contro

Come anticipato all’inizio, i pavimenti in resina stanno trovando maggiore applicazione nell’edilizia residenziale soprattutto nell’ultimo periodo, forse perchè ancora non tutti ne conoscono esattamente le caratteristiche e soprattutto i vantaggi.

I vantaggi del pavimento in resina

  • Possibilità di essere posati sul pavimento esistente senza necessità di rimuoverlo;
  • assenza di fughe e giunti;
  • nessuna proliferazione di muffe e batteri;
  • facilità di pulizia;
  • velocità di realizzazione;
  • costi contenuti e risparmio sullo smaltimento dei rifiuti prodotti dallo svellimento del vecchio pavimento;
  • carattere monolitico;
  • infinite possibilità di personalizzazione;
  • resistenza a sostanze chimiche;
  • basso spessore, di conseguenza non necessita di ridimensionare le porte;
  • ottima conducibilità termica, quindi adatto anche in caso di riscaldamento a pavimento;
  • diverse finiture: liscio, ruvido, opaco, satinato;
  • facilmente riportabile allo stato iniziale senza costi onerosi e senza necessità di rimozione.

Gli svantaggi del pavimento in resina

  • Soggetto a usura;
  • soggetto a ingiallimento, ma solo nel caso di resine epossidiche, che hanno una bassa resistenza ai raggi UV. Per ovviare a questo problema esistono comunque diverse soluzioni e speciali additivi;
  • maggiore visibilità di graffi e abrasione soprattutto nel caso di finiture lucide e uniformi dal punto di vista cromatico, dove purtroppo le imperfezioni sono inevitabilmente più evidenti;
  • nel caso in cui il supporto su cui viene posata la resina non sia stato correttamente livellato, c’è la possibilità che con il tempo si presentino delle crepe o delle fratture sulla superficie monolitica. Questo vuol dire che è molto importante preparare in modo corretto la superficie di fondo.

Tipologie di resina

Esistono diverse tipologie di resina, che importante saper scegliere in base al tipo di progetto che si deve realizzare, ognuna delle quali presenta caratteristiche diverse.

  • Resine acriliche per pavimento
  • Resine poliuretaniche per pavimento;
  • Resine epossidiche per pavimento;
  • Resine metacrilate per pavimento;
  • Resine in poliuretano cemento per pavimento.

Resine acriliche per pavimento

La resina acrilica per pavimento viene utilizzata perchè, rispetto alle altre tipologie di resina ha caratteristiche elevate di: traspirabilità, elasticità, resistenza alla fiamma, alla formazione di muffe, al calore e ad altri fenomeni climatici. Per questi motivi è particolarmente indicata per l’utilizzo in ambienti esterni.
La resina acrilica subisce il processo di polimerizzazione e per questo motivo può essere utilizzata per realizzare pitture o per ricoprire superfici di materiali diversi: metallo, legno, cuoio, tessuti, etc.

Resine poliuretaniche per pavimento

La resina poliuretanica per pavimento è quella tra le più resistenti al tempo e all’usura. Questa tipologia di resina infatti ha un’alta resistenza ai raggi UV, ai graffi, agli agenti esterni ed all’usura meccanica, per questo motivo è particolarmente indicati in tutti quei progetti dove è richiesta una particolare resistenza estetica per un lungo periodo.
Proprio perchè ha queste caratteristiche, la resina poliuretanica per pavimente ha dei tempi di indurimento più lunghi nelle normali resine, che vanno dai 6 ai 7 giorni.

Resine epossidiche per pavimento

La resina epossidica può essere utilizzata in combinazione con altri materiali o anche da sola. Tra le sue caratteristiche principali ci sono: la grande resistenza ed il fatto di essere antipolvere ed igienica, il che la rende particolarmente adatta per ambienti ospedalieri, mense e luoghi pubblici in genere.
La resina epossidica in genere raggiunge uno spessore di circa 2mm, grazie anche alla sua capacità di aderire perfettamente alla superficie di fondo.
La resina epossidica è particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura, per questo motivo si consiglia di lavorarla ad una temperatura intorno ai 15°.

Resine metacrilate per pavimento

Le resine metacrilate hanno una resistenza medio alta all’usura meccanica ed uno spessore che varia tra 3 e 8 mm, ma la caratteristica principale di questa tipologia di resina è sicuramente il tempo di indurimento, che nel caso della resina metacrilata è estremamente rapido, 45/60 minuti.
Di contro però bisogna considerare due caratteristiche meno positive ossia, la bassa resistenza ai solventi e l’odore molto forte e persistente.

Resine in poliuretano cemento per pavimento

Le resine in poliuretano cemento sono senza dubbio la soluzione migliore nell’ambito dell’edilizia industriale e possono essere utilizzate per la realizzazione dei pavimenti delle aree di produzione, lavorazione e stoccaggio di qualsiasi tipo di azienda e industria. Tra le caratteristiche principali di questa tipologia di resina ci sono sicuramente l’elevata resistenza meccanica, che gli permette di resistere senza alcun danno al passaggio di mezzi pesanti o alla caduta concentrata di pesi. La resistenza chimica agli acidi, ai lavaggi con lancia a vapore, all’abrasione, ma anche le proprietà antiscivolo e l’assenza di odore.
Questo tipo di resina è la soluzione ideale per l’edilizia industriale.





Stedo srl
Il pavimento in resina nell'edilizia residenziale, una scelta sempre più frequente e possibilità di adattarsi alle diverse tipologie di arredamento.
Share

Stedo srl

La Stedo (Builders) Srl è la parte operativa della Continuum Property LLC, leader internazionale nel settore immobiliare che ricerca, sviluppa e gestisce immobili di alto lusso per investitori privati e Istituzionali, con un portfolio di oltre 15 immobili nel mondo.